L’INQUINAMENTO: EFFETTI SULL’AMBIENTE E SULL’UOMO
L'inquinamento da fumi e particolato.




Un aeroporto internazionale costituisce un centro di attività in cui sono concentrati consumi di energia pari ad una vasta area industriale. Secondo parametri di stima attendibili e comunemente accettati nella letteratura scientifica, per ogni milione di passeggeri annui, un aeroporto consuma in un anno 3.800 MWh (MegaWattora) di corrente elettrica, 500.000 metri cubi di acqua e 60.000 metri cubi di gas metano [2], senza contare il carburante bruciato localmente da aerei ed auto.

L’inquinamento che investe l’area interessata da un aeroporto deriva dagli effetti legati a questo consumo di energia, con tutte le sue conseguenze indesiderate.

In riferimento alle emissioni medie di altri aeroporti, l’aeroporto di Ampugnano, comporterebbe l’emissione annua riportata nella seguente tabella


Emissioni (in tonnellate annue) previste per l'aeroporto di Ampugnano
(Valori stimati in riferimento ai dati riportati in [3])


Dove nell’ordine si ha: Biossido di carbonio (CO2), Monossido di Carbonio (CO), Ossidi di Zolfo (SOx), Ossidi di Azoto (NOx) e Idrocarburi (HC). Si veda il glossario per una breve descrizione di questi inquinanti, con un riferimento ai loro effetti.

Le quantità di emissioni in tabella sono emissioni locali, che tengono conto del traffico aereo sull’aeroporto (atterraggio, decollo, sorvolo, ecc…) e del traffico veicolare annesso. Quando si parla di inquinamento locale, si fa riferimento ad un area circolare di 5 km di raggio, centrata sull’aeroporto.
Per rendere conto delle cifre in tabella, 5600 tonnellate di CO2 (valore stimato per 400.000 passeggeri annui) corrispondono alla combustione di quasi 1800 tonnellate di benzina [3], ovvero l’equivalente di quella bruciata da 2000 auto per percorrere 12600 km ognuna.

L’imponenza di queste cifre è dovuta a molti fattori fra cui – tra le altre cose – il basso rendimento dei motori a turbina usati nei jet. Basti pensare che in fase di decollo un jet brucia dal 12% (per voli medio lunghi) al 33% (per tratte nazionali) dell’intero carburante necessario per compiere l’intera tratta [3]. L'alimentazione degli aeroplani avviene a cherosene, combustibile poco raffinato e quindi meno costoso, ma molto inquinante.

Nella letteratura scientifica molti studi hanno evidenziato il forte impatto ambientale che ha il trasporto aereo [3–9]. Il seguente grafico confronta la quantità di carburante consumata da comuni aerei di linea con quella di un automobile, a parità di distanza percorsa e per passeggero trasportato [3].


Kg di carburante consumati per passeggero, necessari per coprire 700 km,
assumendo un auto con tre passeggeri e aerei occupati al 100% della loro capacitÓ.

Contrariamente a quanto riescono parzialmente a fare le automobili con le marmitte catalitiche, gli aerei a turbina scaricano il carburante bruciato nell’atmosfera senza alcun tipo di filtro. Questo significa che tutti gli scarti del materiale combusto, in forma di particolato e di gas, viene letteralmente nebulizzato ed irrorato lungo la scia dell’aereo. I venti e processi naturali di diffusione provvedono poi a disperdere i gas ed i materiali in sospensione su un area più vasta.

L’effetto nefasto del particolato (polveri sottili) sulla salute umana è ormai un fatto assodato [10–13]. Diverse indagini hanno mostrato in modo significativo che l’esposizione alle polveri sottili comporta: aumento dei ricoveri ospedalieri, aumento dell'uso dei medicinali, aumento della mortalità, malattie respiratorie, reazioni infiammatorie polmonari, malattie del sistema cardiocircolatorio. Riduzione della funzionalità polmonare dei bambini, aumento delle malattie croniche polmonari, riduzione della funzionalità polmonare negli adulti, riduzione della speranza di vita, aumento delle malattie cardiovascolari e delle malattie neoplastiche. Per quanto riguarda piombo e benzene: malattie del sangue e degli organi emopoietici.

I paesi di Ciampino e Marino, vicini all’aeroporto romano e così come accade per molte altre località limitrofe ad aeroporti internazionali, sono oggetto di studio sugli effetti a breve, medio e lungo termine per quanto riguarda l’inquinamento dell’aria. Gli studi confermano senza lasciar adito a dubbi che un aeroporto rappresenta una importante sorgente di immissione nell’atmosfera degli inquinanti riportati nella precedente tabella, oltre a contribuire all’aumento della concentrazione di polveri sottili nell’aria [3–7, 14–16].

Il paese di Marino, attualmente coinvolto in una forte protesta contro l’aeroporto di Ciampino, si trova a 5 km in linea d’area dalla pista. Quelle che seguono sono invece le distanze dalla pista dell’aeroporto di Ampugnano dei principali centri abitati (considerando le rotte aeree in fase di decollo ed atterraggio la distanza dai punti di emissione può diminuire considerevolmente).

Ampugnano 0,8 km
San Rocco a Pilli 2,4 km
Stigliano 2,4 km
Torri 2,5 km
Rosia 2,7 km
Sovicille 2,9 km
Brenna 3,2 km
Volte Basse 3,2 km
Sant'Andrea a Montecchio 4,5 km
Costalpino 4,7 km
Ancaiano 4,5 km
Siena (Piazza del Campo) 8,9 km

Distanza in linea d’area dalla pista dell’aeroporto di Ampugnano dei principali centri abitati. Considerando le rotte aeree in fase di decollo ed atterraggio la distanza dai punti di emissione può diminuire considerevolmente.

Il particolato in sospensione nell’atmosfera entra nell’organismo umano attraverso l’apparato respiratorio e la profondità di intrusione che riesce a raggiungere dipende dalla dimensione del pulviscolo. Pulviscolo di dimensione di 10 micron (10 millesimi di millimetro), indicato con la nota sigla PM10, o di dimensioni superiori, si arresta lungo le prime vie respiratorie, nella regione tracheo-bronchiale. Queste particelle riescono ad essere rimosse col tempo attraverso i meccanismi di “autopulizia” del nostro apparato respiratorio attraverso colpi di tosse e attraverso i flagelli bronchiali. Particelle di dimensioni minori, in particolari quelle minori di 2,5 micron (PM2,5) possono invece arrivare alla profondità degli alveoli dove si ha l’ossigenazione del sangue. Particelle di dimensioni inferiori al decimo di micron rientrano nelle nanoparticelle. Questo pulviscolo è talmente fine da riuscire a penetrare, direttamente portato dal sangue, nelle cellule del nostro organismo, depositando gli inquinanti.

Nel 2006 l'OMS ha abbassato i limiti accettabili delle sostanze inquinanti nell'atmosfera e ha indicato il PM2,5 (particelle di dimensione micrometrica di cui esistono consolidate evidenze epidemiologiche) come misura aggiuntiva di riferimento delle polveri sottili nell'aria, riscontrando che questi ultimi fanno perdere agli abitanti dell'Europa Occidentale quasi 9 mesi di vita.


Sito di deposizione nell’organismo umano del particolato, in funzione della dimensione
da 0,1 a 10 micron. Particelle ancora più sottili (dell’ordine dei nanometri)
sono distribuite dal sangue e dal sistema linfatico in tutto l’organismo.


Così come il particolato ed i prodotti gassosi penetrano nel nostro organismo, altrettanto fanno in quello di animali e piante. L’intera catena alimentare ne risulterebbe contaminata, a partire dai più piccoli invertebrati fino ad arrivare ai mammiferi più grandi. La produzione agricola delle zone limitrofe all’aeroporto sarebbe necessariamente discriminata dall’agricoltura biologica.


Bibliografia

[2] E.Cardona, A.Piacentino and F.Cardona, “Energy saving in airports by trigeneration. Part I: Assessing economic and technical potential”, Applied Thermal Engineering, Volume 26, Issues 14-15, October 2006, Pages 1427-1436.

[3] “Emission report of the Copenhagen Airport”, The Environmental Organization, Copenhagen, 2006.

[4] J.Banatvala, “Unhealthy airports”, The Lancet, Volume 364, Issue 9435, 21 August 2004-27 August 2004, Pages 646-648.

[5] K.N.Yu, Y.P.Cheung, T.Cheung and R.C.Henry, “Identifying the impact of large urban airports on local air quality by nonparametric regression”, Atmospheric Environment, Volume 38, Issue 27, September 2004, Pages 4501-4507.

[6] A.Unal, Y.Hu, M.E.Chang, M.T.Odman and A.G.Russell, “Airport related emissions and impacts on air quality: Application to the Atlanta International Airport”, Atmospheric Environment, Volume 39, Issue 32, October 2005, Pages 5787-5798.

[7] G.Schürmann, Klaus Schäfer, C Jahn, Herbert Hoffmann, Martina Bauerfeind, Emanuel Fleuti and Bernhard Rappenglück, “The impact of NOx, CO and VOC emissions on the air quality of Zurich airport”, Atmospheric Environment, Volume 41, Issue 1, January 2007, Pages 103-118.

[8] M.Pitt and A.Smith, “Waste management efficiency at UK airports”, Journal of Air Transport Management, Volume 9, Issue 2, March 2003, Pages 103-111.

[9] I.Pison and L.Menut, “Quantification of the impact of aircraft traffic emissions on tropospheric ozone over Paris area”, Atmospheric Environment, Volume 38, Issue 7, March 2004, Pages 971-983.

[10] C.Tang, L.Chang, H. Lee and C.Chan, “Effects of personal particulate matter on peak expiratory flow rate of asthmatic children”, Science of The Total Environment, Volume 382, Issue 1, 15 August 2007, Pages 43-51.

[11] A.D.Kappos et al., “Health effects of particles in ambient air”, International Journal of Hygiene and Environmental Health, Volume 207, Issue 4, 2004, Pages 399-407.

[12] A.Peters, Arden Pope III C., “Cardiopulmonary mortality and air pollution”, The Lancet, Volume 360, Issue 9341, 19 October 2002, Pages 1184-1185.

[13] A.Nemmar et al., “Passage of inhaled particles into the blood circulation in humans”. Circulation 2002; 105: 411.

[14] S. U.Schumann, A.Petzold, “Particle Emissions and Airport Air Quality”, Institute of Atmospheric Physics, DLR Oberpfaffenhofen, Presentation at the LLTWorkshop, TU Munich, 2004.

[15] G.Fang, Y.Wu, W.Lee, T.Chou and I.Lin, “Study of ambient air particulates pollutants near Taichung airport sampling site in central Taiwan”, Journal of Hazardous Materials, Volume 144, Issues 1-2, 1 June 2007, Pages 492-498.

[16] K.A.Kugele, “Aircraft Particulate Matter Emission Estimation through all Phases of Flight”, Eurocontrol, 2005.